giovedì, gennaio 19, 2006

Riassunto 20° giornata - serie A campionato 05/06

Ecco il riassunto di quanto accaduto nella ventesima giornata del campionato di serie A a cura del miglior giornalista sportivo italiano GIORGIO TOSATTI :

Si riduce il vantaggio sulla Juve fermata dal Chievo a Verona. Una grande prova dei veneti.Èil secondo pareggio esterno dei campioni d’Italia dopo quello con la Lazio. Così un’Inter non bella ma pratica riduce, grazie a Cruz, il distacco portandosi a 8 punti. Una boccata di speranza per Mancini, una iniezione di vitalità nel campionato. Il Milan risale a 10 punti staccando i viola, malamente sconfitti a Genova. La Roma si avvicina ai quartieri alti trascinata da un Totti diventato anche un formidabile rapinatore sottoporta.
La follia del campionato a 20 ci regala (si fa per dire) una notte di calcio a metà settimana. Con temperature bassissime, ideali per favorire infortuni muscolari, campi gelati e quindi rischiosi per gli atleti. Figurarsi con che slancio i tifosi si precipitano in stadi-frigorifero. Ma clienti, squadre, prodotto non interessano ai boss del pallone: si venderebbero anche i parenti stretti per aumentare le entrate, salvo regalarle a giocatori sopravvalutati e ai loro agenti. Per quanto riguarda le prime quattro, gli impegni più duri toccano a Juve e Fiorentina. Il Chievo ha perso sul proprio campo una sola gara, quella con l’Inter, mercoledì 21 settembre. Decise un gol di Samuel. La Samp non è così inflessibile a Marassi (4 pari e due sconfitte) ma ci han lasciato le penne Milan e Lazio, non sono andati oltre il pari Inter e Roma.
Due matricole per le milanesi. Ancelotti ha sempre vinto in casa, l’Ascoli mai in trasferta. Colpisce la scarsa differenza nei gol presi: 22 il Milan, 25 i marchigiani. L’Inter (22 punti in 8 gare come la Juve) va a Treviso, dove i locali hanno vinto solo una volta. Nessuno ha segnato meno: appena 12 gol. Quanti ne ha fatti Adriano da solo. Peccato che fuori casa ne abbia firmato soltanto 1.
La Juve soffre la fisicità, l’organizzazione, le marcature del Chievo. Semioli e Franceschini impazzano sulle fasce, mal contenuti da Zambrotta e Balzaretti. Franceschini segna in perfetta solitudine al 21’, poi fallisce il raddoppio. I campioni stentano. Vieira pareggia 10’ dopo, ma le punte non mordono nonostante che Capello utilizzi Ibrahimovic, Trezeguet, Mutu e poi anche Del Piero, escludendo un seccato Camoranesi. L’arbitro Palanca nega un rigore a Ibrahimovic e consente a Lanna e compagni di usare un po’ troppo le maniere dure: molti cartellini gialli, nessuno rosso.
La Fiorentina rimedia con Toni a una splendida rovesciata di Palombo, ma la sua difesa frana. Tonetto e Flachi la puniscono, Bazzani imperversa sui palloni alti. I viola non perdevano da 5 turni.
Il Milan va subito in vantaggio a San Siro con un gol incredibile: palla da Dida a Inzaghi in fuga solitaria per 60 metri. Pippo è travolgente, ma difensori e portiere gli spalancano la porta. Poi i rossoneri patiscono il dinamismo dell’Ascoli e si prendono anche i fischi di una tifoseria annoiata.
Cruz decide a Treviso dove protestano per un rigore (6’) di Cordoba su Borriello. L’arbitro Gabriele fa finta di nulla. Traversa di Pinga, palo di Adriano. Gara aperta fino alla fine, con l’Inter che si difende con grinta.
Continua la serie positiva della Roma con il quarto successo consecutivo. Lo firma Totti, più capitano che mai. Di Michele debutta in modo entusiasmante segnando i due gol che distruggono quanto era riuscito a fare un eccellente Parma. Il Palermo non vinceva in casa dalla nona giornata (contro il Lecce).
Curiosa gara di sbagli a Lecce: prima Lucarelli e poi Vucinic si fanno parare in modo maldestro un calcio di rigore. La Lazio acciuffa nel finale il pareggio a Messina. Il Cagliari in pieno recupero punisce il Siena con Suazo grazie al clamoroso errore del portiere senese Mirante. Pareggio senza molte emozioni tra Empoli (gol su rigore) e Udinese.
Cassano ha cominciato bene la sua seconda vita, speriamo che ritorni ad essere quello degli Europei. In gol anche Christian Vieri col Monaco.