venerdì, gennaio 27, 2006

La Finanza contro i portali web ! W le Tv Cinesi

MILANO - La Guardia di Finanza di Milano ha eseguito una serie di provvedimenti, emessi dalla Procura della Repubblica del capoluogo lombardo, nei confronti di due portali web - www.calciolibero.com e www.coolstreaming.it (il primo risulta online, il secondo non più) - che, secondo quanto dichiarano le Fiamme Gialle, consentivano attraverso connessioni Internet la visione di eventi sportivi in diretta, tra i quali partite del campionato italiano di calcio di serie A e B. I provvedimenti sono stati eseguiti su ordine del pm Gianluca Braghò. I gestori dei siti - su uno dei quali erano registrati oltre 80 mila utenti - sono stati iscritti nel registro degli indagati per aver violato la normativa sul diritto d'autore. L'inchiesta era scattata nell'ottobre scorso dopo un esposto presentato da Sky.Il fenomeno delle partite di calcio, trasmesse su Internet con software che si basano sul principio del P2p (peer-to-peer, da utente a utente) e sfruttano i flussi streaming di tv estere, soprattutto cinesi, è iniziato nel 2004 e negli ultimi mesi gli appassionati hanno messo a punto sistemi sempre più perfezionati per la ritrasmissione delle partite (ma il principio vale per qualunque streaming mandato via web, qualunque sia il contenuto).
I sequestri di oggi segnano dunque una nuova offensiva sul fronte del P2p e dei diritti digitali. Difficile però che l'iniziativa sia di una qualche efficacia. Siti come Coolstreaming.it non «consentivano, attraverso connessioni internet, la visione di eventi sportivi in diretta». Erano e sono i software come pplive a consentire la visione degli eventi. E non si può «spegnere» un programma. Si possono spegnere siti e forum di informazione come Coolstreming.it (che agevolano la visione dell'evento, questo sì), ma probabilmente ne nasceranno altri. L'unico mezzo sarebbe bloccare la trasmissione via web delle partite direttamente ai server orientali, cinesi o taiwanesi che siano. Ma l'impresa appare oggettivamente difficile. (Corriere della Sera)

La GdF può spegnere i siti di informazione sugli eventi questo è sicuro, ma non potrà mai spegnere le tv cinesi, che Dio le preservi, le quali hanno acquistato i diritti legalmente dall'Italia e hanno deciso generosamente di trasmettere gratis in streaming le partite, quindi W la Cina.